Mobile Menu

Chi sono

by oriente, 29 Settembre 2020

Questo blog è  un raccoglitore di pensieri di benessere, sono tutti esperenziali in quanto sperimentati su di me. Mi occupo di benessere,  quello degli altri e il mio.

Cercherò con dei racconti semplici di trasmettervi la voglia di andare oltre, di sviluppare e usare la curiosità, risorsa infinita che può aprirci mille strade, una diversa dall’altra.  Strade che vanno oltre alle apparenze, alle convenzioni, alle banalità, alle abitudini, alle paure. Oltre a storie già scritte,  oltre gli ostacoli, oltre il percorso che già conoscete.

Cercando di orientarmi in questo mondo, senza una meta prestabilita ho capito che solo perdendomi ho potuto fare la conoscenza delle persone e delle occasioni migliori.

Ah una cosa, mi chiamo Roberta, vivo in provincia di Bologna.
Mi piacciono le emozioni, quelle che arrivano dalle cose semplici, e quando non arrivano, me le cerco.

la mia parte olistica

Il mio lavoro è il mio stile di vita. Ho scelto di fare quello che meglio mi rappresenta, sono operatrice shiatsu e massaggiatrice thai, utilizzo tecniche orientali. La semplicità messa in pratica.
Dell’Oriente mi piace la filosofia, la visione della persona come unione e non divisione, il suo essere “uno” con l’universo. Corpo-mente e spirito come un tutt’uno.
Così vedo la vita, un insieme di tante cose, una indivisibile dall’altra, un fluire di eventi concatenati, dove noi siamo i protagonisti.
www.orientandomi.it

la mia parte creativa
Ho creato il marchio di taccuini e quaderni Pensieripensati con copertine di diverse temariche,  dove ognuno può trovarci una parte di sè. Le pagine interne sono bianche, tutte da riempire, come le nostre vite.

Dipingo. Coloro tele e pareti, perchè il colore migliora l’umore!
Creo bracciali e collane, per renderci più carini.

fronte1

in cucina

Mi piace cucinare e provare nuove ricette, purchè siano semplici e veloci. Il cibo nella mia famiglia è sempre stato simbolo di condivisione, i miei genitori  sperimentavano ricette e nuovi ingredienti e poi  invitavano gli amici, tra chiacchiere e risate si gustavano. Come tipico di noi Italiani, si parlava di cibo mangiando, anche dopo, a stomaco pieno. Mi è rimasta questa impronta, l’amore per il cibo e per la condivisione.

BUONA VISIONE

se volete scrivermi: roberta@pensieripensati.com