Mobile Menu

Oggi ho viaggiato – giorno 3 e 4

by oriente, 12 Marzo 2020

Non ho la televisione. Esattamente 15 anni fa me ne sono liberata e ricordo benissimo il motivo. Volevo vedere il mondo con i miei occhi, parlare e conoscere persone reali, usare il mio tempo nel migliore dei modi. Volevo portare il mio sguardo e la mia attenzione oltre ad uno schemo nero.

In questi giorni, non averla mi ha dato molta serenità, rimango sempre informata, le notizie le ho sempre lette sui quitidiani e da internet. Così evito di sentire toni o urla che mi possano condizionare e agitare.

Il mio tempo lo uso per viaggiare.
Viaggio attraverso un libro, viaggio attraverso le persone, viaggio condividendo, viaggio con internet e viaggio creando.

Oggi sono stata in Africa.
Ho acceso la musica con il giusto ritmo, ho scelto le pietre e le perline in legno adatte per questo viaggio e sono partita.
E come per tutti i viaggi, mi sono portata a casa qualcosa, ma questa volta senza muovermi.
Un sacco di braccialetti e collane. Africane.

Ho trovato questa frase, di una scrittrice danese:

I bianchi di solito cercano in tutti i modi di proteggersi dall’ignoto e dagli assalti del fato. L’indigeno, invece, considera il destino un amico, perché è nelle sue mani da sempre; per lui, in un certo senso, è la sua casa, l’oscurità familiare della capanna, il calco profondo delle sue radici. (Karen Blixen)

E’ vero, il destino è la nostra casa, perchè è già dentro di noi. Questo momento particolare della vita, ci può insegnare a prendercene cura.